Pagina:Guittone d'Arezzo – Rime, 1940 – BEIC 1851078.djvu/111

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

di guittone d'arezzo 107


deono te e tuoi d’onni ragione
tutti cristian, con tutti ogni piagenza,
a cui asempro, a cui ammonizione
130hanno quasi quanto hanno di valenza!
Ben tenuti semo donque laudare,
reverire, gradire,
e te e i toi seguire
con devozione tutta pugnare.
135 Mercé donque, Messer; me perdonare
a te piaccia e ai toi,
se non laudat’ho voi
degno, ché non finire so cominciare.

XXXIX

Invito alla mistica danza.


     Vegna, — vegna — chi vole giocundare,
e a la danza se tegna.
     Vegna, vegna, giocundi e gioi[a] faccia
chi ama Te, da cui sol’onni gioia;
5e chi non T’ama, Amor, non aggia faccia
di giocundare in matera de noia.
Degna, — degna; — non pò che reo portare
chi Te, gioioso, disdegna.
     No è mai gioia né solaccio vero
10che’n Te amar, Gesù sponso meo caro:
tant’amabel se’ tutto e piacentero,
dolc’è Tec’onni dolce e onni amaro.
Tegna, — tegna — lo core in Te amare,
sí che tutt’altro disdegna.
15 Profeta e santi invitan noi, Amore,
che ’n allegranza Te dovemo amare,
e cantar canti e inni in Tuo lausore
und’onni lauda e onni gloria pare.