Pagina:Guittone d'Arezzo – Rime, 1940 – BEIC 1851078.djvu/113

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

di guittone d'arezzo 109


ma fort’è molto più, mertando bene.
Quando retto om sostene
10mal, che merta, onranza è, ma non magna;
e merta onta chi lagna
prender che ha mertato;
ma onor grande onrato
è mal ben sostenere, ben operando
15e via molto bene render de male,
amor d’odio corale.
Bene render de ben che pregio aggrata?
In ciò quasi om mercata.
Vertù è coronata
20e pregio caro ha ben, mal repugnando.
     E ciò, car messer padre, in gioi mi scende,
ché tale voi del tutto essere penso,
poi propio è di saggio omo valente;
ché produceli in mente
25onni danno, ch’è for e in poder prende,
e gioi porgeli in core e doglia in senso;
che delizie carnale e temporale
se sa nemiche, unde nemico è loro,
perché dol di ben loro,
30del male allegra e lo desia e trova:
e tale propia è prova
de crestian cavaleri.
Grande forte misteri
a prova manifesta omo che vale,
35ché forte e grande om ben ben vi fina,
e vi gaude, v’affina;
ma quale è, como eo, debile e poco,
quasi n’è cera a foco:
non prende om pro suo loco,
40vil, credendol tener, ruina male.
     Messer padre, del cor meo la cervice
devotamente ai piei vostri s’enchina.
Ove grazia è devina