Pagina:Guittone d'Arezzo – Rime, 1940 – BEIC 1851078.djvu/129

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

di guittone d'arezzo 125


130 Bene Pisani san, signor’, sentire:
sol pòn per voi guarire;
e se, di morte u’ son, lor vita date,
tutto certo crediate
che d’etate in etate
135ed essi e figli loro, e voi e vostri
terran refattor d’essi e salvatori.
Commodo esto, signori,
e voi e vostri fa perpetuale
amati, orrati e magni. Adonque mostri
140vostra gran scienza in ben cerner da male.

XLVIII

Come, volendo, si possa vincer la carne.


     Onne vogliosa d’omo infermitate
impossibel dico esser sanando,
e spezialmente quando
è in carne di folle odioso amore.
5E dice alcuno aver non podestate
d’amor matto lungiare,
ni d’astener peccare.
E se ciò è vero, iniquo è Dio signore,
comandando che non pote om servare:
10crede, matto, scusare,
nesciente o reo Dio incusando;
ma si sé ’ncusa e danna e mal peggiora,
ché parvo è fornicare,
picciol male onne fare,
15ver dir peccator Dio; e parvo ancora
dir ello non sia, che dirlo reo.
Non giá permette Deo,
dice Apostul, tentare
più che possa om portare;