Pagina:Guittone d'Arezzo – Rime, 1940 – BEIC 1851078.djvu/16

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
12 canzoni d'amore


10ché no lo guida fin conoscimento
chi contr’al suo forzor vo star rapente.
   Rapente disianza
in me è adimorata per mant’ore,
caro amore, de te repleno gire.
15Amor, perch’altra usanza
me non porea far degno prenditore
del gran riccore ch’aggio al meo disire?
Avegna ch’en albire
lo mi donasse grande fallimento,
20or l’ho preso e posseggio, al meo parvente,
standone degno, ché for zo no sento
che ’l core meo sofferissel neente.
   Neente s’enavanza
omo ch’acquista l’altrui con follore,
25ma perta fa, secondo el meo parire,
e sofferir pesanza,
per acquistare a pregio ed a valore,
è cosa ch’a l’om dea sempre piacire.
Ed eo posso ben dire
30che, per ragion di molto valimento,
ho preso ben, che m’è tanto piacente,
che tutt’altra gioi ch’ho no è giá ’l quento
di quella, che per esso el meo cor sente.

VI

Si lamenta dei «malparlieri» che voglion «storbare» l’amorosa dilettanza del poeta.


   Tutto mi strugge ’n pensero e ’n pianto,
amore meo, la fera dubitanza
che aggio, che la noia e lo spavento,
ch’è fatto voi, non vo sconforti tanto,
5che l’amorosa nostra delettanza