Pagina:Guittone d'Arezzo – Rime, 1940 – BEIC 1851078.djvu/24

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
20 canzoni d'amore


e che sollazzo e canto
5e ben tutto ch’avia
m’è or, per mia follia, — corrotto e noia;
e ch’entra gente croia
ed en selvaggia terra
mi trovo; ciò m’è guerra, — onde morria
10de mie man, s’altri osasse
a ragion darsi morte.
Ahi, lasso, or foss’eo ’n corte, — ov’om giugiasse
cui ver d’Amor fallasse — in pena forte!
     Morte loco cherrea,
15ché de pena menore
non porea meo follore — giugiarse bene;
poi lei, che ’n terra è dea
de beltate e d’onore
e de tutto valore — che pregio tene,
20fallio; ca, sua mercene,
non guardando meo stato,
m’avea sí pareggiato — en gioi d’amore
per sua gran cortesia,
non già perché mertato
25l’avesse. Ahi, che peccato — è, per fe mia,
venir om che vil sia — in alto stato!
     Non è poco el dolore
che qua m’ha preso e tene
lontan di tutto bene — e dove amico
30non ho in lei, che fore
mi solìa trar di pene;
ma quanto veggio m’ene — e par nemico.
Piò male ho ch’e’ non dico
ed è neente a ragione:
35ma s’eo vivo, cagione — n’è sola spene;
ché lá, ov’ogn’altra cosa
m’è sí fallita in tutto,
de tollerme corrotto — essa non posa,
né metter mia dogliosa — alma in desdotto.