Pagina:Guittone d'Arezzo – Rime, 1940 – BEIC 1851078.djvu/258

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
254 sonetti ascetici e morali

213

Il loglio non può dare il grano, né il male il bene.


     O tu, om de Bologna, sguarda e sente:
ciò ch’eo te dico a grande prode t’èe;
nel campo intrato se’ per far semente,
4lo qual è presto a catun seme anch’ee.
     Donque se grano aver ètti piacente,
mira ben, se gran sementi, o chee;
e se sementi gioglio com nescente
8e gran ricoglier credi, ahi che van see!
     Ché natura né Dio noi sosterria
che ben de mal nascesse, o mal de bene;
11se par talor, torna final che dia.
     E molto ciò te prova e fermo tene
Toscana e Romagna e Lombardia,
14che de poco seme l’aie aute han piene.

214

Al Giudice di Gallura, cui non osa dire nè sa tacere quanto gli sia caro.


     Giudice de Gallura, en vostro amore
como e quanto è giunta l’alma mia,
vostro valente orrato e car valore
4tacer m’offende, e dir no l’arderia.
     Ma, se bene poder seguisse core,
de fatto amor non poco appareria;
ma non n’aggio poder, né dirol fiore:
8vogli’appo voi che vo piace che dia.
     Ragion stima ’n amor voglia, non fatto,
e prod’om dea ciò ch’è ragion stimare;
11e voi, messer, sorprò, sovra ragione.
     Non mia bassezza en vostro altero affare
vi queti: a me materia onni stagione
14di bontá vostra è di mia fe contratto.