Pagina:Hoffmann - Racconti I, Milano, 1835.djvu/167

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

104

sulla posizione del pianoforte, di guadagnare la porta, quando tutto ad un tratto ei ricomparve col lume; egli portava un ricco vestito alla francese, carico di ricami, una bella camiciuola di raso, ed una spada gli pendeva dal fianco.

Io restai stupefatto; egli si avanzò solennemente verso di me, mi prese dolcemente la mano, e mi disse sorridendo con un'aria singolare: Io sono il cavalier Gluck.


FINE DI GLUCK


E DEL VOLUME PRIMO