Pagina:I Duelli Mortali Del Secolo XIX, Battistelli, 1899.djvu/121

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

109



Siamo nel dicembre del 1848.

Dopo una discussione animata, forse troppo animata, sulla questione della presidenza della repubblica, due invalidi (!), dei quali uno sosteneva la candidatura del generale Càvaignac e l’altro quella di Luigi Napoleone, se n’andarono a scontrarsi, col fioretto in pugno, in luogo detto il Champ de la Vierge, al Grot-Caillou.

Uno di questi baldi invalidi si chiamava Luc Casse e contava appena cinquantotto anni; l’altro, più baldo ancora si nomava Larget e vedeva spuntare la sessantesimasesta primavera della sua esistenza.

Il vecchio Larget, colpito in pieno petto da un colpo di fioretto, che sortì sotto l’omoplata, spirò appena giunto a l’Hòtel des Invalides, ove i padrini lo avevano trasportato in tutta fretta.


1849. Il tedesco e i russi. — Siamo ai primi giorni di maggio del 1849. Un giovanotto tedesco e otto ufficiali russi erano seduti alla stessa tavola in un caffè di Varsavia; il discorso cadde sulla politica che, secondo il solito, trascinò ad una discussione vivacissima. I russi sostenevano l’eccellenza della monarchia assoluta; il tedesco difendeva con grande vigore l’utilità e la giustezza di un governo rappresentativo. Cammin facendo, la discussione si fece più calorosa e terminò con ingiurie pronunciate d’ambe le parti.

Il tedesco, seccato, sfidò gli otto contradditori. La sfida fu accettata e allo spuntar del giorno tutti i combattenti si riunirono nel bosco di Praga.

Giunti sul terreno, gli ufficiali russi estrassero a sorte i nomi di coloro che, a turno, si sarebbero misurati col giovane tedesco. L’arma scelta era la pistola. Al primo colpo il te-