Pagina:I Duelli Mortali Del Secolo XIX, Battistelli, 1899.djvu/152

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
140

mortale, lo scontro tra il signor Trombetta, assistito da Carlo Alberto e da Francesco Bracale, ufficiale, e il Cognetti, patrocinato dal march. Augusto Pulce Doria e da Filippo Carrilli, accadde il l.° gennaio del 1870.

Il motivo del combattimento fu una polemica giornalistica tra il Trombetta ed il sacerdote Cognetti (fratello della vittima), che in quell’epoca dirigeva il giornale clericale «La Discussione1».

Restando sempre nel campo impersonale e imparziale del narratore, dalle poche note raccolte pare che il Trombetta avesse attaccato con molta violenza il sacerdote Cognetti, che difendeva a spada tratta, e forse in buona fede, nella Discussione, le famose banche-truffe, che davano il 20 e perfino il 30 per cento al mese, sui denari presso di esse impiegati; banche tutte che finirono con un crach formidabile, l’eco del quale non ò per anco spenta in Napoli.

Il direttore della Discussione, essendo sacerdote, non poteva scendere in sottana e cocolla nel campo del duello, benchè anticamente ciò facessero e preti e frati ed eminenti prelati; e perciò incaricò il fratello suo, di chiamare a singolar tenzone il giornalista Trombetta. I «si dice», farebbero ritenere che il Cognetti fosse uno schermitore di vaglia, e che prima della lotta cruenta avesse manifestato l’intenzione di segnare per l’eternità il volto del suo avversario.

Il Trombetta, informato di ciò, ne rise e benchè si dichiarasse profano nell’arte di maneggiar la sciabola, sul terreno offriva sempre il braccio al ferro dell’avversario, mantenendosi costantemente a regolare misura. Il concetto del Trombetta, infine, era questo: una sciabolata al braccio, che io mi pigli, non sarà gran male; ma per l’avversario spavaldo e per giunta schermitore, sarà uno smacco fenomenale quello di non aver potuto realizzare la minaccia solennemente ripetuta.

  1. Altre informazioni dicono che la sfida fu originata da un’aspra polemica giornalistica tra il Conciliatore e il Contro-Scilla: il primo era diretto dal Sacerdote Salvatore Cognetti, e sosteneva ad oltranza le famose Banche-usura; nel secondo collaborava il Trombetta, che era poi il direttore di fatto, se non di nome, e che attaccò violentemente le nefaste banche.