Pagina:I Duelli Mortali Del Secolo XIX, Battistelli, 1899.djvu/192

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
180

quelli di Z** diranno: «il signor Z** avendo offeso atrocemente il nostro rappresentato nel suo onore militare, esigiamo per lui una riparazione co’ fiocchi, mirabolante?«

Niente affatto. Il signor X** non ha che un solo ed unico onore; l’onore suo, proprio suo; e non è perchè egli porta perennemente un ombrello, o una sciabola, ch’egli potrà far distinzione tra le ingiurie che potremmo patire il giorno dell’ombrello o quello della sciabola.

Voi avete avuto ragione di dirlo: «la legge deve essere uguale per tutti», ed io mi associo con tutto il cuore alle vostre conclusioni.

Così scriveva Luciano Hennet a Villemont pochi giorni dopo il duello (1883) tra due sott’ufficiali d’artigliera. Per un nonnulla Arcier e Hanër, due amici d’infanzia, due amici del cuore, furono costretti a scendere sul terreno dalle esigenze stupide di una casta.

Alla seconda messa in guardia, Arcier colpito in pieno petto, grida: toccato! e come se fosse stato colpito dal fulmine piomba cadavere tra le braccia del tenente della batteria, direttore del combattimento, presenti l’ajutante maggiore, due maestri e due sotto-maestri di scherma, come è prescritto dai regolamenti francesi.


1884 (19 luglio). De Witt-Parrini. — Nel luglio del 1884 a Firenze si discuteva un processo per falsi e falsità a carico di Vittorina Venturini, donna, a quanto sembra, di costumi non eccessivamente rigidi1.

Una inesatta relazione del processo fatta da un reporters al prof. cav. Cesare Parrini, indusse questi a dare al giornale, di cui era corrispondente2, giudizi non precisi nel riferire i rapporti dell’imputata con uno de’ suoi.... protettori. E n’ebbe

  1. Fu condannata a otto anni di carcere.
  2. Gazzetta d’Italia, diretta dal Pancrazi, a Roma.