Pagina:I Duelli Mortali Del Secolo XIX, Battistelli, 1899.djvu/306

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
294



Così crudelmente, per il falso punto d’onore, lottando, chiuse la sua vita di lottatore Felice Cavallotti, l’alfiere della democrazia italiana, che se talvolta fu avventato ed ingiusto ne’ suoi giudizi contro amici e nemici, fu anche un gran cuore ed una mente elevata, onore del suo partito e dell’Italia1.


1898. Vitale-Tagliapìetra. — Il 5 aprile 1898, moriva all’ospedale militare di Savigliano il tenente Armando Vitale, del 18.° cavalleria, che tre giorni prima veniva ferito in duello dal tenente C. Tagliapietra.

La causa dello scontro letale?

I due tenenti, pare per causa intima, vennero a diverbio. Durante il quale il tenente Tagliapietra, che vestiva da borghese, con un bastoncino percosse il Vitale. Questi all’atto ingiurioso trasse la sciabola, ma fu impedito da un agente delle guardie municipali di colpire l’avversario.

Al secondo assalto il Tagliapietra colpiva mortalmente al ventre il tenente Vitale, cui invano fu fatto subire la laparatomia.

  1. Il 28 marzo 1899 la Corte d’Appello di Roma emise sentenza con la quale ammise a favore dell’on. Macola il beneficio dell’art. 240 del codice penale (provocazione per grave onta) e ridusse quindi la pena dai tredici mesi, comminati dal Tribunale, a sette soli mesi di detenzione.