Pagina:I Duelli Mortali Del Secolo XIX, Battistelli, 1899.djvu/39

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

27

cosse; e come gridava (sfido!) gli fu tamponata la bocca; e allo scopo di paralizzarne i movimenti, fu legato pel collo e per i piedi, e gli venne applicata una camicia di forza.... entro la quale poco mancò che non morisse.

Così, e non altrimenti, la Restorazione trattava i duellisti che la pensavano alla liberale!

Noi, però, che siamo più civili, non trattiamo a camicia di forza i condannati politici. Oh, no!...


1805. Kind; Soria e due francesi. — In una serata di gala che ad Amburgo dette nel 1805 il banchiere israelita, barone Kind, la sorella di questi fu fatta segno a grossolane impertinenze di certo Soria, addetto all’ambasciata spagnuola.

Due francesi, che si trovavano presenti alla scena indegna, alzarono la voce contro il becerume spagnuolo. Ciò condusse francesi e spagnuolo ad un doppio duello, nel quale Soria uccise i due avversari.

Il barone Kind, che fino allora s’era tenuto in disparte, si fece innanzi, dichiarando ch’egli pure voleva morire, o vendicare gli insulti fatti alla sorella e la morte dei due onesti e nobili francesi.

Il Soria si prese beffe del barone Kind; ma dovette accettare il duello propostogli alla pistola. Favorito dalla sorte di sparare per primo, Soria si regalò il triste piacere, innanzi di far fuoco, di vomitare contro l’avversario tutte le invettive più grossolane, che da bocca umana possono uscire1. Chiamò l’avversario: Cane di un giudeo; ebreo porco; mangiatore di fanciulli; ladro; strozzino; serpente.... e chi più ne ha più ne metta.

Il barone Kind non mosse palpebra; ascoltò tutto e tutto

  1. Ma.... i padrini erano essi pure degli imbecilli?