Pagina:I Nibelunghi, Hoepli, 1889, I.djvu/375

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
304 I Nibelunghi

Là, sui fiori, cadea l’uom di Kriemhilde,
435E uscir fu visto dalla sua ferita
In copia il sangue. Incominciò, chè grave
La rancura l’astrinse, alta rampogna
A chi la morte consigliò di lui
Per tradimento. L’uom ferito a morte
440Così dicea: Deh! voi codardi assai,
Che mi valsero adunque i miei servigi,
Per che ucciso m’avete? Io fui leale
E fido a voi; perciò ne pago il fio!
Feste gran male a’ consanguinei vostri,
445E chi un dì nascerà, vergogna ed onta
Si avrà da questo. Sulla mia persona
Grave soverchio vendicaste voi
Lo sdegno vostro. Discacciati un giorno
Sarete voi da’ buoni cavalieri
450Con ignominia. — Ove ei giacea ferito,
Accorrean tutti i cavalieri intanto,
E fu quello per lor veracemente
Giorno scevro di gioia. Egli era pianto
Da chi fede anche avea; di ciò era degno
455Il cavalier cortese e valoroso.