Pagina:I Nibelunghi, Hoepli, 1889, II.djvu/324

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

I Nibelunghi 683

Levò lo scudo Rüedegero; e l’alma
Gli si destò, ned ei potè più a lungo
Inerte rimaner. Pari a un eroe
430Ei si cacciava agli ospiti di contro.
Assai colpi tremendi, ecco! sferrava
Il possente margravio. I due, Volkero,
Hàgen con esso, stavansi più lungi,
Chè a lui cotesto in pria questi due prodi
435Avean promesso; ma sì arditi eroi
Starsi là da le porte egli rinvenne,
Che la battaglia con gran cura e affanno
Rüedgero incominciò. Lasciâr ch’entrasse
Dentro alla sala e Gernòt e Gunthero
440E ciò elli fean per assassina voglia;
Avean pensiero di gagliardi. Intanto
Stava più lungi Giselhero, a cui
Era davvero di dolor cagione
La trista pugna. Al dolce viver suo
445Egli pensava ancor; però Rüedgero
Ei d’evitar curava. Ecco! balzavano
Contro ai nemici del margravio gli uomini,
Ch’elli fûr visti seguitar lui principe