Pagina:I Nibelunghi, Hoepli, 1889, II.djvu/369

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
728 I Nibelunghi

175D’alma e di corpo tu felice! Tutti
Li miei dolori compensasti assai,
Ed io per sempre, ove morte non tolga,
Devota a te sarò. — Deh! che v’è d’uopo
Incolume lasciarlo, a lei rispose
180Prence Dietrico, o nobile regina.
Anche avvenir potrìa ch’ei bene assai
Di ciò che fece a voi, vi ricompensi,
Ed egli intanto, perchè starsi in ceppi
Il vedete voi qui, soffrir non debbe.
     185Al suo carcere allor fe’ la regina
Hàgene addurre là ’v’ei giacque chiuso,
Là ’ve nessuno il vide. E incominciava
Gunthero intanto, il nobile signore,
Alto a gridar: Dove n’andava il prence
190Di Verona? Ei m’ha fatto aspro dolore!
     Corsegli incontro allor sire Dietrico.
Degno di lode assai era il valore
Di re Gunthero, ed ei non s’indugiava
Più a lungo, ma dall’aula uscìa correndo
195D’un balzo a lui. D’ambe le spade allora
Gran fragor si levò. Per quanto illustre