Pagina:I Paralipomeni del Lucifero.djvu/28

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
22 canto primo

275Lo spazio a misurarne) in trepidante
Silenzio si ridusse. Egli i superbi
Girò sguardi di sol sulla stipata
Gente, e rivolto al suo cantor che a destra,
A piè del trono gli sedea,
                                — C’intuona,
280Disse, qualcuno dei tuoi canti. —
                                            Plauso
Fe allor la turba degli spirti al divo,
Solenne invito, e sui rizzati scanni
Con avida premura si compose.

    Assunto era da secoli alle stelle
285Il cantor di Lucifero e il sonante
Verso mescea talvolta all’infinita
Armonia delle cose, unico inganno
Della incresciosa, irremissibil noia
Ond’era afflitto il suo Signor. La fronte
290Rizzò con fiero atteggiamento e gli ampi
Occhi fissando per l’immenso vano,
Accarezzò con man dotta la chioma
Nero-fluente pel suo cigneo collo,
Più volte delle sue dita gentili