Pagina:I Vicerè.djvu/117

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

I Vicerè 115

egli non aveva potuto eseguire nel palazzo le modificazioni da lungo tempo disegnate; morta donna Teresa, prese finalmente le redini della casa, metteva ora ogni cosa sossopra. S’udivano fino in cucina i colpi di piccone dei muratori, il cigolìo delle carrucole con le quali issavano i materiali dalla corte al piano di sopra; e i guatteri, occupati ad affettar patate e a sbatter uova, scambiavano fra loro osservazioni su quei lavori:

― Levano la scala dell’amministrazione per guadagnare spazio....

― Io non avrei chiuso un pezzo della terrazza.

― Il padrone però deve dar conto a suo fratello, essendo eredi tutt’e due.

― Ma il palazzo è del principe! Il contino ha un solo quarto....

Il principino adesso non perdeva una parola del discorso.

― Il contino scapperà subito fuori via.... Non è fatto per star qui....

Il lavoro delle salse li faceva tacere tratto tratto. Luciano, con una strizzatina d’occhio, disse dopo un pezzo al compagno:

― Ricomincia, eh?

― Lascialo fare! Quello è un vero signore!

E Luciano chinò il capo, in segno d’approvazione ammirativa. Erano tutti pel conte, in cucina, come nelle anticamere, come nelle scuderie; perchè il padrone giovane non rassomigliava al maggiore, tanto era dolce di comando e largo di mano.

― Signore davvero, di modi e di pensieri.... Non come l’amico...

― L’amico è volpe vecchia.... com’era l’amica....

― Che dite? ― domandò il principino.

― Niente, Eccellenza! ― rispose il cuoco; e vòlto ai dipendenti: ― Lavorate! ― ingiunse ― senza tante ciarle....

― Ah, non vuoi dirmelo?

― Ma che cosa, Eccellenza, se parlano così, a vanvera?