Pagina:I Vicerè.djvu/63

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

I Vicerè 61

che rifiutate il testamento, che chiedete quel che vi viene....

― Io non so, zio....

― Come non sai?

― Parlerò a Federico.....

Allora il monaco uscì fuori dei gangheri:

― E andate un poco a farvi più che benedire, tu, Federico, tutti quanti siete, compreso io, più bestia di tutti che me ne prendo!... Qui! ― ordinò a Baldassarre che andava a servire la contessa, e presa una gramolata, la bevve d’un sorso, per temperar la bile che gli saliva alla gola.

Suo fratello don Eugenio, zitto zitto, si ficcava a pugni nelle tasche paste e biscotti, ne masticava a due palmenti, ci beveva su bicchieri di Marsala, non acqua inzuccherata, come uno che non è certo di far colazione. Ciò nonostante badava ad approvare con grandi scrollate di capo Monsignor Vescovo, il quale, vedendo che il Priore don Lodovico rifiutava di rinfrescarsi a motivo che era vigilia, dichiarava al presidente: «Un angelo! Tutto quel che è interesse mondano non l’ha mai toccato! Vivo esempio di virtù evangelica....» e il presidente, con la bocca piena: «Famiglia esemplare!» confermava; «dello stampo antico!... Dove mettete quell’eccellente principe?» E il principe, finalmente, ridottosi in un vano di finestra con lo zio duca:

― Ha udito Vostra Eccellenza?.. ― gli diceva con riso amaro. ― Quel che pareva impossibile è vero!... La mia famiglia è rovinata!...

― Non credevo neppur io! ― esclamava il duca. ― Che gli avrebbe fatto una posizione privilegiata tra i legittimarii, sì; ma coerede?

― E perfino il quartiere qui in casa!... per farmi un’onta! La casa dei nostri maggiori ha da servire ai Palmi!....

― Dev’esser contenta la Palmi! ― diceva ora la cugina Graziella alla duchessa. ― Suo marito coerede!... Il povero Giacomo costretto a dividere col fratello!... A