Pagina:I precursori di Lombroso.djvu/174

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
168 i precursori di c. lombroso

nascita una qualche stimmata cattiva di cui essi non hanno colpa; perchè non ebbero parte nè scelta nelle origini delle cose naturali. Per l’eccessivo sviluppo di una qualche loro tendenza, spesso sono vinti i freni della ragione, e una cattiva abitudine fa sviluppare in un modo tale il germe degli istinti, anche buoni, che quell’impronta speciale (che è stigmata di natura e segno di cattiva stella) corrompe tutte le altre virtù, siano anche pure come la grazia; la goccia del male spesso soffoea sotto il suo maleficio ogni nobile sostanza„.

Il prof. Ziino nel suo Shakespeare e la scienza moderna (Palermo 1897), con molta dottrina e fine analisi esamina dal punto di vista antropologico criminale le opere del grande poeta. Ma tornando a Brierre de Boismont egli afferma, come conclusione generale dello studio su Amleto e Re Lear, che le concezioni di Shakespeare sulla pazzia sono tali che un medico versato nella pratica delle malattie mentali ha gli elementi scientifici necessari per formulare un diagnostico.


5. — Potrei portare altri e convincenti documenti a comprovare che la teorica della degenerazione del genio non è spuntata soltanto ai nostri giorni e che i grandi artisti intuirono i dettati dell’Antropologia criminale. Sembrami che il poco già fatto sia sufficiente per iniziare chi desideri maggiori schiarimenti alla ricerca.

Il mio modesto lavoro di compilazione sono certo lascerà tuttavia increduli gli avversari, per