Pagina:I precursori di Lombroso.djvu/68

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
64 i precursori di c. lombroso

confronto le orecchie ad ansa dell’uomo con quelle della scimmia, e quelle a punte lunghe e strette che sono proprie dell’invidioso, e da quelle di cattiva forma e non “scolpite„ come indizio di saggezza d’ingegno.

Così del naso, di cui si occupò pure l’antropologia criminale collo studio dell’Ottolenghi, si intrattiene a parlare a lungo: “Il naso adunco

Fig. 9.

è convenevole ai magnanimi„ e cita grandi uomini, imperatori, capitani, filosofi che ebbero naso aquilino.

Il naso largo che declina al sommo dimostra l’uomo bugiardo e loquace, e quei che hanno l’estremità del naso grosso sono assai pigri, il naso aguzzo all’estremo è proprio degli irosi, quello che è schiacciato, breve, appartiene ai ladri ed ai lascivi„. E tratta delle narici aperte, chiuse, distanti, alle quali attribuisce l’ira, la pazzia, la misericordia.