Pagina:I promessi sposi (1825) I.djvu/184

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
178

L'orrore che Lucia sentì di queste più chiare parole, le sospese il pianto, e le diede animo a parlare. Levando dalle palme la faccia lagrimosa, disse a Renzo con voce accorata, ma risoluta: “non v'importa più dunque di avermi per moglie. Io m'era promessa ad un giovane che aveva il timor di Dio; ma un uomo che avesse ..... Fosse egli al sicuro di ogni giustizia e d'ogni vendetta, fosse il figlio del re .....„

“ E bene!„ gridò Renzo, con una faccia più che mai stravolta: “ io non v'avrò: ma non vi avrà nè anche egli. Io qui senza di voi, ed egli a casa del .....„

“Ah no! per misericordia, non dite così, non fate quegli occhi: no, non posso vedervi così,„ sclamò piangendo, implorando, giungendo le mani, Lucia; mentre Agnese chiamava ripetutamente il giovane per nome, e gli palpava le spalle, le braccia, le mani, per rabbonirlo. Stette egli immobile, pensoso, quasi smosso un momento a contemplare quella faccia supplichevole di Lucia; poi tutto ad un tratto l'affisò torvamente, diede indietro, tese il braccio e l'indice verso di essa, e proruppe: “questa! sì questa egli vuole. Ha da morire!„

“ Ed io che v'ho fatto di male, perchè mi