Pagina:Ida Baccini, La mia vita ricordi autobiografici.djvu/165

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

157


Gli avevo ceduto la proprietà di un volume di novelle per una data somma, perchè naturalmente le pubblicasse tutte insieme. Al brav’uomo ne andò a genio, fra le altre, una che egli credè adatta ai ragazzi, quantunque non lo fosse menomamente. Che fece? Prima stampò il volume e lo mise in commercio; contemporaneamente fece stampare alcune centinaia di copie di quella novellina in un fascicolo che cercò di vendere a poco prezzo, mi pare a trenta o a quaranta centesimi. Lasciando da parte il fatto che la novella non era assolutamente adatta per i ragazzi e avrebbe danneggiato con la sua divulgazione il mio buon nome di pedagogista l’ingenuo editore aveva creduto bene di smerciare a suo esclusivo vantaggio una pubblicazione ma, senza avvisarmi e naturalmente compensarmi. Fui appena a tempo a far ritirare le prime centinaia di copie che si trovavano in commercio, e avvisai in pari tempo l’editore che mi scrisse una lunga lettera di scusa, incolpando dell’«errore» la tipografia. Che fosse un «errore» non ho mai ardito metterlo in dubbio; ma per l’appunto era un errore in cui chi perdeva, ero io!! ...

Un terzo editore, più grazioso degli altri, mi affidò l’incarico di scrivergli un romanzetto per i ragazzi. Glie lo scrissi, e feci del mio meglio. Il prezzo della cessione era però un po’ elevato; pure egli mostrò di accettare tutte le condizioni che gli proponevo in una minuta di contratto. Ricevuto il manoscritto lo tenne quasi per un mese; poi mi scrisse una lunga lettera dicendomi che il lavoro in molti punti non gli era piaciuto e che egli (l’editore!) avrebbe voluto vedere sviluppati alcuni motivi e tralasciati altri; finì col