Pagina:Ida Baccini, La mia vita ricordi autobiografici.djvu/197

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
189


d’Italia, non hanno garanzia di successo, a meno che non possano disporre di mezzi finanziari molto larghi, o sieno sostenuti da certe combriccole a cui — dopo tutto — non par vero di impiegare i denari anche ... a perdita sicura.

La Cordelia ha avuto un indirizzo pedagogico ed artistico sempre fisso, e lo ha conservato per anni ed anni con rigidità scrupolosa, non prestandosi mai a capricci troppo... evolutivi in vista del beato interesse, conservando intatto il suo programma, fino a che lo sviluppo e la modificazione delle idee, e specialmente delle idee morali non mi ha indotto a trasformarla gradualmente e lentamente.

Un altro fautore del suo buon esito si è avuto nella rigorosa esattezza della sua pubblicazione. I periodici letterarî non hanno, come i giornali quotidiani, molti redattori fissi e stabili che lavorino contemporaneamente e sullo stesso luogo; per lo più l’opera di compilazione è affidata al direttore e a un paio di segretari che riuniscono ed ordinano i manoscritti per la stampa, suddividendosi — come suol dirsi — il lavoro. Io per di più, nei primi anni di vita della Cordelia, fui sola a dirigere e a redigere; quindi se nascevano da un momento all’altro dello difficoltà, non avevo certo chi mi aiutasse a vincerle. Ma la pubblicazione della Cordelia non ha mai generato stanchezze o diffidenze nelle associate. È sempre uscita la domenica, quantunque mi abbiano afflitta dolori e pene di tutti i generi, non esclusa la morte di amici, di parenti, di persone adorate. Io ho spedito alla tipografia l’originale del mio periodico, e ne ho riviste le bozze anche quando le condizioni della mia salute erano tanto gravi da non permettermi oc-