Pagina:Il Bardo della Selva Nera.djvu/4

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

ii

a punire il Sassone ribellato, o la perfidia di Tassiglione; e le arpe de’ Bardi, non ancora mute del tutto, si sono, o Sire, destate allo strepito delle vostre vittorie; e ne hanno seguíto il rapido volo su quelle contrade medesime, ove Carlo precipitava dal trono i Re vinti, e ne accumulava sul proprio capo i diademi, e NAPOLEONE il Grande ne fa dono agli Amici, e più moderato e magnanimo li restituisce alla fronte dei Principi debellati. E veramente un Conquistatore che a’ suoi nemici abbattuti non lascia altro segno della conquista, che