Pagina:Il Bardo della Selva Nera.djvu/53

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

canto terzo. 41

     Da due tante d’onore avversatrici
190Posseduto, incalzato, esagitato
Che farà l’infelice? Arduo torreggia
Ed aspro tutto di fulminee bocche
Il muro che lo serra, e par che debba
Da tutti assalti assicurarlo. Gravi
195Gemon di molta cerere, e per molte
Lune provvista le riposte celle.
Nulla è che manchi a qual sia uopo. Al fianco
Gli stan tre volte dieci mila intatte
Spade, e assai prodi, a cui morir più giova
200Che patteggiar la vita, ed incruente
Ceder l’armi. Che più? Pugnan per lui
I venti e l’onde. Impetüosa pioggia
L’assediante flagella. Irato inonda
L’Istro il vallo Francese. E qual già sotto
205Le fatali di Troja inclite mura
Di Teti al figlio oppor si vide il Xanto
I divini suoi flutti, e del grand’Ilio
Ritardar la caduta; non diverso
Contra il Gallico Eroe le vïolente
210Onde solleva il regnator superbo