Pagina:Il Dio dei viventi.djvu/141

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 135 —

guarire. Dio solo può guarirmi e Dio non vuole.

— Che hai stasera? — domandò il padre.

Ma ancora una volta Bellia non gli rispose. Pareva l’avesse proprio con lui, col padre; e il padre lo sentiva e ne provava un’angoscia pungente.

— Ebbene, — disse anche lui irritato, — se vuoi portarglielo, il cestino di fichi, portaglielo pure: altro che cestino di fichi ci vorrà, per lui: cestino di monete, ci vorrà.

— E dategliele! Dal tenerle nascoste nel muro al darle a lui o al diavolo è lo stesso.

— Se non stai zitto ti do uno schiaffo, uno, ma uno!

— Che avete stasera tutti? Vi punge il diavolo con la lesina? — disse la serva ricoprendo con foglie di vite il cestino. — Stasera invece bisogna vivere con Dio: è la vigilia di San Giovanni; bisogna lavarsi al fiume per battezzarsi di nuovo. Io ci vado.

— Tu faresti molto bene a stare a casa,