Pagina:Il Dio dei viventi.djvu/149

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 143 —


— Uscita Ella. Fratellini lasciata.

— Ma tua madre dov’è?

— Casa.

— Ah, sei scappata? Eh già, e io non sono scappato? Anche mamma è in casa e non sa dove sono.

La bambina si lasciava condurre, anzi aveva smesso di piangere e trascinava i suoi piedini nella polvere prendendo gusto all’avventura.

E Bellia le stringeva la manina calda e umida di lagrime e gli sembrava di stringere nel pugno un uccellino.

— Adesso troveremo qualche donna che ti riconduca a casa; chi sa quante ne prenderai stasera di sculacciate. Ma tante!

Ella approvava, pronta a tutto.

— Sculacciate Ella tante.

E d’un tratto si fermò, si chinò, diede un piccolo grido di gioia; raccoglieva qualche cosa di meraviglioso.

— Fammi vedere: cos’hai preso?

Ella fece vedere con diffidenza, con paura che l’oggetto prezioso le venisse portato via, un pezzettino di vetro.