Pagina:Il Ducato di Trento nei secoli XI e XII.djvu/9

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search



ALLO SPOSO


Nel giorno solenne delle auspicate tue nozze, noi tuoi amici, lieti della tua felicità, ti facciamo l'offerta di questo opuscolo, sicuri cho essa non ti sarà discara. Due cose la renderanno pregevole agli occhi tuoi. La prima si è l’importanza di questa monografìa, che ci venne suggerita dall'illustre nostro conterraneo Tommaso Gar come degna di essere pubblicata a onoranza di fauste nozze e a reale e durevole utilità della trentina istoriografia: essa fu a noi favorita, con quella rara gentilezza d’animo che lo distingue, da un generoso e preclaro nostro patrizio, il Conte Matteo Thunn, uomo che alla squisita coltura dell’ingegno unisce il più puro patriotismo. L'altra si è il cuore degli offerenti, i quali non potevano in questo giorno non darti un sogno di quell'affetto sincero che nutrono e nutriranno sempre per te, e non portare un tributo di stima ai tuoi sensi di caldo patriota e di ottimo amico. Gradisci adunque l'offerta, e questa, presentata da te alla bella e amabile giovinetta che infiorirà la tua vita, serva altresì a testificarle i sentimenti di profonda devozione onde per Lei sono compresi gli amici del suo sposo.

Trento nel Novembre 1868.

A. R. T.