Pagina:Il Libro dei Re, Vincenzo Bona, 1886, I.djvu/103

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


III.

Invettiva di Firdusi contro Mahmûd.


Prence Mahmûd conquistator, se tema

D’alcun non hai, temi di Dio, chè molti
Fûr pria di te monarchi e regnatori
Che avean corona e potestà nel mondo.
5Eran di te per genti e per tesori,
Per sovrano poter, per regal seggio
E corona di prenci, assai più grandi,
Nè fean opre giammai che di giustizia
Non fossero e di pregio, e ad opre abiette
10Ed a nequizia non volgeansi mai;
Ma giustizia rendeano a’ lor soggetti,
Solo adorando Iddio, nè per la terra
Altro a cercar che un illibato nome
Ivano intenti, e del cercar quel nome
15Bello e lieto era il frutto. I re che all’oro
Tengonsi avvinti, d’uom sapiente agli occhi
Mostransi abietti e vili. — Or tu, se in terra
Hai di monarca potestà, Che vale,
Che val, dirai, tanto clamor, tal grido
20Audace e stolto? — Oh! tu non sai l’ardente
Anima mia, nè pensi al ferro mio
Che sangue sparge! — Empio m’appelli, a falsa
Religïon devoto? — Io no! Leone
Bieco son io, se tu zeba m’appelli!
25    «Questo inetto cantor, la stolta gente
Così dicea, me me vituperando,
Invecchiò nell’amor ch’egli consacra
Al Profeta e ad Alì». — Quei che nel core
Odio nasconde per Alì, nel mondo

30Cosa non trova che in viltà l’uguagli.