Pagina:Il Marchese di Roccaverdina.djvu/125

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

― 121 ―

zia baronessa e, forse, pure le riluttanze di lui, non essendo la prudenza una delle principali virtù della vecchia signora.

Ma don Carmelo era corso ad annunciare alla padrona:

— C’è il marchese!

E per alcuni istanti anche la baronessa si era trovata in imbarazzo.

— Si parlava della mal’annata — ella riprese. — Si può parlar d’altro? La povera gente muore di fame. È uno strazio!

— Dicono che il governo manderà dei soccorsi — fece il marchese.

— E queste cucine.... come le chiamano?

— Economiche. Distribuiranno, per pochi soldi o gratis, minestre di riso e pane. Al Municipio sono in faccende per metterle su.

Tacquero.

La signorina Zòsima, la maggiore delle Mugnos, non aveva detto una parola e non aveva alzato gli occhi.

La minore avea continuato ad andare attorno pel camerone, osservando minutamente i vecchi mobili e i quadri, dopo aver risposto con un inchino al saluto del marchese quando era entrato.

Così egli, trovandosi ora a lato della baronessa e di faccia a colei che era stata la sua breve passione giovanile, si sentiva su le spine; e non sapendo