Pagina:Il Marchese di Roccaverdina.djvu/383

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

379

si staccavano dal viso sfigurito del suo benefattore; non lo chiamava altrimenti.

Aveva pregato di restare là l’intera nottata. E lo avea vegliato, ripulendogli le labbra, in piedi davanti al letto, non sentendo stanchezza, con un groppo di pianto che la soffocava e in certi momenti le annebbiava la vista, ma non giungeva a prorompere; con le mani dolorosamente incrociate, e il petto ansante di angoscia a quel continuo agitare della testa con cui il marchese accompagnava gli Ah! Ah! Oh! Oh! quando le allucinazioni gli concedevano qualche ora di tregua.

— Andate a riposarvi; noi abbiamo dormito a bastanza — le disse Titta rientrando nella camera verso l’alba.

— Ah, comare Pina! Chi lo avrebbe mai sospettato! — esclamò mastro Vito, ancora un po’ imbalordito dal sonno.

— No! Lasciatemi stare qui!... — ella rispondeva senza neppure voltarsi.

— E a voi, chi è venuto a dirvelo fino a Modica? — domandò Titta.

— Un signore di Spaccaforno.... Gliel’aveva scritto un amico di qui. Die’ la notizia a mio marito.... E sono accorsa, con la morte nel cuore.... Due giorni di viaggio, con un garzone. Mi pareva di non arrivar mai!

— Andate a riposarvi.... C’è un letto nell’altra stanza....