Pagina:Il Mistero del Poeta (Fogazzaro).djvu/102

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
98 il mistero del poeta


La mia vita esterna si dice in due parole, ma la mia vita interna è un fortunoso dramma, che mi occupò molte lettere. Miss Yves non mi rispondeva e non la richiedevo nemmeno di rispondermi. Volevo solo preparare un futuro momento, poichè non sapevo dove, non sapevo quando, ma certo un giorno sarei andato a tentar l’ultima prova, a chiederle, con la mia voce, di esser mia.

Quand’ebbi detto tutto della mia vita sino all’incontro con lei, le mie lettere diventarono anche più gradevoli a scrivere. Ella non poteva specchiarsi nelle acque torbide del mio passato; solo ne avevano qualche luce i due sogni! Ma ora l’immagine sua viveva in me, pensava ne’ miei pensieri, amava nel mio cuore, ogni giorno più intensamente, tanto che ne stupivo io stesso, dubitavo talvolta di amare una miss Yves ideale, distinta dalla vera, e provavo il bisogno, per sincerarmene, d’immaginar la cara persona, l’amor felice, perdendone quasi il lume degli occhi e il respiro. Oramai parlarle di me era come parlarle di lei stessa.

A mezzo l’autunno mi venne in mente di comporre un romanzo. All’idillio non pensavo