Pagina:Il Mistero del Poeta (Fogazzaro).djvu/104

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
100 il mistero del poeta

ostinandomi a immaginare tutto il romanzo di primo getto, avrei finito con darmi per disperato, e mi buttai addirittura a scrivere, nella fiducia che, piantata bene l’azione, si sarebbe poi svolta, anche più naturalmente, da sè. Trascrivevo regolarmente il mio lavoro per Violet e glielo mandavo ogni settimana. Alla fine del quarto capitolo ebbi un assalto di malinconia nera. Incominciò col dubbio di non saper continuare; il dubbio diventò terrore; poi anche i capitoli scritti mi parevano assurdi, gelidi, pessimi; poi mi figurai di perdere l’ingegno, di non sapere, di non poter più niente. Mi persuasi che se Violet non si era risolta di mandarmi una sola parola, era per questa indegnità dell’opera mia. Le scrissi come soffrivo e caddi al fondo dell’abbattimento. Per due settimane tralasciai ogni corrispondenza.

Il 12 dicembre mi arrivò da Napoli una lettera con l’indirizzo di pugno di miss Yves. Conteneva la vetta d’una foglia di palma e una violetta bianca; nient’altro. Mi sentii mancare di gioia, appena ebbi forza di baciar la lettera, il fiore, l’aria odorosa.