Pagina:Il Mistero del Poeta (Fogazzaro).djvu/116

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
112 il mistero del poeta

non la vidi più, il mio cuore riprese a palpitar forte. Sapevo che Norimberga non era lontana, il sole infuocava un rossastro paesaggio solenne di alte pinete e di sabbie immense, l’aria soffiava fredda, e se porgevo il capo a guardar dove ci portasse la locomotiva, non vedevo all’orizzonte che nebbie; sentivo il nord, mi pareva che quello fosse il vero cielo, il vero paese di un’anima come Violet. Là mi aspettavo di trovarla ancor più grave e triste, ancor più chiusa nel cupo fuoco del suo cuore. Ma la troverei, la troverei?

Verso le otto mi affacciavo dai tozzi baluardi medioevali, dai passaggi bui del Frauenthor a un largo di lastricati tra due scomposte fughe di case aguzze, a torri che salivano giganti, sul fondo, nei misti chiarori del crepuscolo e della luna. Norimberga, l’enigma, era davanti a me.

All’albergo domandai della famiglia Yves. I camerieri non la conoscevano, il padrone nemmeno. Questi ne chiese a due signori che stavano cenando. Uno di costoro sapeva soltanto che vi era una fonderia Yves nella Burgschmiedstrasse. Non posso dire l’impressione che mi fece