Pagina:Il Mistero del Poeta (Fogazzaro).djvu/142

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
138 il mistero del poeta

davo a Eichstätt, che conoscevo la meta del suo viaggio. Non cercai vederla; appena nel salire da S. Sebaldo alla Burg guardai un momento, dalla bocca della Theresienstrasse i balconi eleganti di casa Yves. Più tardi, andando al vecchio cimitero di S. Giovanni, dove dorme Alberto Dürer, passai dalla porta della fonderia senza nemmanco guardarvi dentro.

Pensavo più all’amore che all’arte. Confesso tuttavia che qualchevolta l’energia e la grazia di un antico artista mi esaltavano, mi traevano a sè, non sopra l’amore, ma sopra le cure e le incertezze presenti. Davanti al Schönen Brunnen, al tabernacolo di Adamo Krafft nella Lorenzkirche, alle porte insigni della Sebalduskirche mi assaliva la gioia della bellezza, mi gloriavo d’essere io puro artista, pensavo felice che l’amore di Violet avrebbe saputo trarre anche da me un fuoco d’idee e di opere. L’altra signora si diceva gelosa della Musa; ma Violet! Negli amori e nell’anima mia Violet vedrebbe sè, sempre sè, dappertutto sè, come il sole potrebbe veder sè in ogni cosa vivente. Quell’altra povera donna parlava di gelosia perchè non sapeva come si ama.