Pagina:Il Mistero del Poeta (Fogazzaro).djvu/231

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search




XXIV.


L’indomani sera mi recai a casa von Dobra verso le nove. Nella giornata non avevo veduto nessuno. Il signor Treuberg era venuto a portarmi una carta all’albergo e avevo ricevuto una lettera da mio fratello. Questi mi riferiva, scherzando, la voce corsa nel mio paese che il mio viaggio avesse uno scopo galante. Non so esprimere la irritazione, il disgusto che ne provai. Come mai s’era diffusa una voce simile? Mi sdegnavo, senza ragione, anche con mio fratello per quella odiosa parola: galante. Questa gente pettegola e stupida mi sciupava l’amore! Allora per la prima volta sentii orrore di far conoscere Violet a’ miei concittadini, se