Pagina:Il Mistero del Poeta (Fogazzaro).djvu/233

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

il mistero del poeta 229

l’altra. — Ho tanta voglia di udirlo! M’han detto che suona anche col naso e con le ginocchia.

— Non verrà neanche lui, credo — rispose Luise.

Non ne dubitai più; la causa di queste assenze ero io, e le sorelle von Dobra ne sapevano qualche cosa. Chi aveva parlato? Cosa era successo fra i Topler e miss Yves? Desideravano essi evitar me, o evitarsi a vicenda? La mia ebbra fantasia immaginava anche questo. E non saper niente, non potere saper niente! Il signor von Dobra mi parlava, forse dell’Italia, forse dei sandwiches preparati dalle sue figliuole. Dio solo sa come lo ascoltai e cosa intesi. Debbo sorridere ancora quando penso alle mie risposte assurde e a’ suoi occhi stupefatti. Preso il thè, la cugina, di cui non ricordo il nome, cantò Haidenröslein. Stavolta mi toccò udirla tutta, ma n’ebbi una impressione diversa; per meglio dire, non n’ebbi quasi alcuna impressione, tanto era presa la mia mente dalle incertezze presenti. Poi la signorina cantò ancora, cantò fra l’altre cose un lungo duetto con suo fratello. Durante que-