Pagina:Il Mistero del Poeta (Fogazzaro).djvu/259

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

il mistero del poeta 255

di un dolore profondo, che avrebbe reso grottesca la sua figura agli occhi del mondo, la rendeva invece rispettabile e toccante agli occhi miei; sentivo che un solo movimento di riso interno mi avrebbe fatto disprezzare da me stesso.

— Hai bisogno di parlargli, non è vero? — disse Topler seniore, affettuosamente. Il professore assentì col capo. Allora l’altro si volse a me e ripetè:

— Ha bisogno di parlarle.

In pari tempo si alzò e andò a chiudere una finestra da cui poteva venir dell’aria a suo fratello.

— Va bene? — diss’egli.

Seguì un lungo silenzio.

— Dunque, fratello mio? — fece il vecchio.

L’altro tacque ancora un poco e finalmente rispose:

— Potreste parlar voi, intanto.

Topler seniore sbuffò e brontolò:

— Non eravamo intesi?... Allora parlerò io — diss’egli poi, sospirando — e tu mi correggerai se sbaglio.

Quindi continuò volgendosi a me.