Pagina:Il Mistero del Poeta (Fogazzaro).djvu/281

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

il mistero del poeta 277



XXX.

(Dal quaderno).


Magonza, Hôtel Karpfen, 21 giugno.

Amica mia, tu vorrai sapere cosa ho sentito questa sera, a Magonza. Ecco: di essere sulla soglia d’un’eternità. Anche la prima sera che udii la tua voce ebbi una simile impressione, ma allora la porta dell’eternità era chiusa. Adesso, diletta mia, io sono tu, la porta è aperta, odo la voce tua, sento che mi rinnovo, ch’entro in un mondo superiore. Cara, forse io pecco d’orgoglio, mi pare che nessun altro amore somigli al nostro, che siamo veramente uniti in Dio; questo pensiero mi esalta, mi inebria tanto! Credi, credi anche tu così! Ho avuto stanotte uno slancio tale di questa fede, contemplando sopra i fanali di una piazza deserta le sommità