Pagina:Il Mistero del Poeta (Fogazzaro).djvu/296

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
292 il mistero del poeta

e la sua fisionomia irrigidita mutò improvvisamente, si ricompose in un sorriso dolcissimo.

— Ho paura di perderti — mormorò, e mi strinse la mano con un vigore di cui non l’avrei creduta capace; l’espressione cupa di prima le ricomparve in viso per un istante.

— Violet — susurrai. — Sposa mia.

I suoi occhi si velarono, la sua dolce voce mi disse con timida passione:

— Per sempre?

— Per sempre, per sempre. — Il mio cuore, mentre scrivo, risponde ancora così.

Non parlammo più. L’odor fresco del verde, il brillar del puro sereno, la nostra felicità, eran così dolci a godere in silenzio! Solo quando vide ritornare gli Steele, Violet mi disse:

— Domattina venga alle undici; mi troverà qui.

Venga? — diss’io — mi troverà?

— Vieni — rispose Violet sorridendo — mi troverai. Ma per noi soli, finora; quando ci saranno altri, dirò ancora Lei. Domani — soggiunse piano e timidamente — spero avere da te...

Non osò compiere la frase e intanto soprag-