Pagina:Il Mistero del Poeta (Fogazzaro).djvu/31

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

il mistero del poeta 27

meminisse. Buona amica, le cose ch’io verrò parlando, un poco ogni giorno, con Lei, diventeranno Sue; se dovrà farle sapere al mondo, al mondo senza cuore, provveda Lei a che l’amico suo non sia giudicato senilmente verboso e importuno. Non Le dico questo per amor proprio; mi perdoni, è un folle dubbio fantastico il mio. Forse il bene ed il male che si pensa e si dice di noi sulla terra dopo la nostra morte, ci tocca tuttavia, in quanto è frutto delle nostre opere, con premio o con pena; mi par quasi che quei duri giudizi umani possano giungere al luogo eterno, e, più che me, contristar la diletta.

Scrivo queste ultime parole d’introduzione alle sei del mattino. L’aria è pura, un mite lume di luna cede quietamente all’alba serena; a piè della casa un bianco mare di vapori pesanti dorme sulla valle. Vorrei che fosse così, amica mia, anche là dove saremo dopo la morte e prima dell’ultima aurora, del giorno eterno; vorrei che dalla terra, tutta avvolta ancora d’ignoranza e di tristizia umana, nessun vapore maligno salisse a noi.