Pagina:Il Mistero del Poeta (Fogazzaro).djvu/36

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
32 il mistero del poeta


All’albergo non trovai lettere di Ginevra e n’ebbi piacere. Io che quando ho amato non ho mai amato più forte che nell’assenza, adesso, lontano dalla signora, non la sentivo più. Non v’era molta gente. Alla table d’hôte delle sei eravamo una trentina, quasi tutti inglesi. Io sedevo presso una bella ed elegante signora bionda, dagli occhi orientali come il profumo di rose audacemente singolare che usava. Le altre signore erano quasi tutte vecchie e bruttissime. Gl’italiani, non più di quattro o cinque, avevano, fra tanto grave silenzio di esotici, un’aria assai compunta, e mi guardavano con la evidente ingordigia di arruolarmi per le passeggiate, le chiacchiere e il biliardo. Ciò mi metteva orrore, per cui fui gelido con un piccolo vecchio signore, il quale, dopo pranzo, fatto un preambolo sui miei celebri poemi (!), mi disse che lui o i suoi compagni si trovavano molto a disagio fra gl’inglesi ed erano felici della mia venuta. Soggiunse di chiamarsi il cavalier Tale; gli altri si chiamavano il conte Tale e il cavalier Tal altro; il quarto non aveva titoli, ma era tuttavia una persona molto civile. Finalmente questo povero si-