Pagina:Il Mistero del Poeta (Fogazzaro).djvu/39

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

il mistero del poeta 35

done le forme e insieme nascondendole altrui. Ma quella sera non trovai un solo filo fine e forte, non feci che imbrattar carta inutilmente. Mi cadde il cuore.

Cosa dice Heine? «Il mio cuore somiglia al mare.» Io, piccolo poeta, dirò solo che il mio cuore somiglia ad una laguna misera, senza perle nè coralli, che tuttavia ascende e ricade come il mare, ogni giorno, per la propria natura e l’arcano influsso di qualche potenza occulta nel cielo.

L’indomani mattina mi arrivò la lettera di Ginevra. Mi si attendeva fra dodici giorni, dopo i quali ci saremmo trovati soli e senza sospetto. In seguito a questo esordio venivano raccomandazioni solenni che parevano rimproveri; mi si proibiva la menoma famigliarità. Tutto ciò mi parve gesuitico e disgustoso e mi venne subito in mente di non andare; ma poichè avevo ancora sei giorni di tempo, mi proposi, secondo una viziosa abitudine, di deliberare all’ultimo momento. Intanto la svogliatezza e l’inerzia antica mi riprendevano. Abbandonai la ricerca dell’idillio; non mi destavano interesse nè gl’i-