Pagina:Il Mistero del Poeta (Fogazzaro).djvu/404

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
400 il mistero del poeta

sole autunnale, la grande quiete del mezzogiorno, il suono della campana che commoveva la mia fanciullezza immaginosa, entrano per le finestre aperte in questa camera dove dormirono i miei venerati genitori e ch’io scelsi per camera mia nuziale, per camera nuziale della morte. Dio mio, l’abito nuziale di Violet non è qui, i miei amici Steele sanno dov’è; ma la sua piccola toque da viaggio, il grazioso costume che portò nelle ultime ore, la semplice veste bianca ch’ella aveva a Rüdesheim quando la strinsi per la prima volta nelle mie braccia, pendono qui dall’attaccapanni. Il suo fazzoletto colle cifre di sposa, i guanti, l’orologio, il ventaglio di marocchino, i braccialetti e gli anelli sono sul marmo del cassettone col nastrino di velluto nero in cui sento e bacio ancora il tepore fragrante del suo collo. Sul letto il suo guanciale porta la sua cifra e il suo tavolino da notte porta i suoi prediletti sonetti di Shakespeare, la sua Imitazione legata in avorio; un lume di bronzo donatole dalla signora Emma, un ritrattino in miniatura di sua madre fatto da suo padre e ch’ella portava sempre con sè. Sulla scrivania, fra le carte odorate di mughetto, odore