Pagina:Il Mistero del Poeta (Fogazzaro).djvu/52

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
48 il mistero del poeta

proprio Lei. Credevo che fosse una fanciulla, una Luisa. Oh come desideravo di conoscerla!

— Anch’io desideravo di conoscer Lei.

Queste parole mi sfuggirono e tacqui subito. Non sapevo se dovessi spiegarle; intanto ella osservò che era tardi e si ritirò. Qualche cosa nel suo saluto mi fece male e passai una notte inquietissima, pensando ch’ella mi era stata molto vicina per un momento e che poi si era allontanata da me. Certo aveva trovate stupide o troppo ardite le mie ultime parole. Ne soffrivo e ne godevo insieme, parendomi aver veduto un poco del suo sentimento. Com’era fine, come era elevato! Adesso bisognava toglier l’equivoco subito. Mi addormentai verso la mattina, sognai che spiegavo tutto a Mrs. Yves, che la dolcissima voce mormorava «lo sapevo, lo sapevo» ma che il viso era triste.