Pagina:Il Mistero del Poeta (Fogazzaro).djvu/73

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

il mistero del poeta 69

gli occhi nostri s’incontravano più spesso, e i miei dicevano certo: «mi ama?» e i suoi rispondevano «sì.» Nel ritorno le diedi il braccio; la nostra compagna ci precedeva di alcuni passi. Andavo adagio; era così delizioso il tocco, il profumo, il tepore della cara persona! La pregai con passione di dirmi quello che prima non aveva osato.

— Non posso — diss’ella. — Non oso ancora. Credo che non oserò mai. Forse potrei scrivere.

— Devo aver paura — dissi — di questo segreto? Mi toglierà la speranza? Mi toglierà la vita?

Il suo braccio trasalì, la sua mano si muoveva convulsa, come in una corrente d’elettrico.

— Lei non deve perder niente per me — rispose Violet con voce tremante. — Io spero che troverà un’altra più libera e più degna. Temo di aver avuto colpa io se Lei sente e dice queste cose, ma era una colpa molto dolce e poi ci dobbiamo lasciar così presto e per sempre. Lei mi racconta che ha sognato e a me pare di vivere in un sogno, di essere e di non essere la stessa persona di prima. Sa, come in sogno.