Pagina:Il Trentino.djvu/211

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
190 IL TRENTINO.


La minima assoluta riscontrata in queste stazioni fu di -10°2 ad Ala, di -12° a Rovereto, di -11°3 a Trento, di -12° a S. Michele (1891). La media mensile non discende mai sotto lo zero ad Ala e si abbassa al massimo di un grado sotto lo zero nelle altre stazioni. La differenza notevole di temperatura fra la bassa valle del Sarca e la valle dell’ Adige deve essere spiegata, in parte come effetto del bacino del Sarca, che modera l’eccessività delle temperature, in parte come conseguenza della Valle d’Adige e specialmente della Chiusa di Verona, che non permette l’entrata dei venti del Sud e solo lentamente dà libero sfogo ai venti del Nord; va così formandosi nell’inverno un ristagno di aria ghiacciata, che fa abbassare la temperatura della valle d’Adige. Nella val d’Adige la temperatura stà per sette mesi, dall’Aprile all’Ottobre, sopra la media annuale.

È notevole che Bolzano (Gries), la più elevata e la più settentrionale fra le stazioni della Val d’Adige (m. 292), offra una media annuale di 11°7, superiore per ciò alle medie di Rovereto, S. Michele e Trento; si tratta di una delle solite complicazioni, dovute a circostanze oro-idrografiche, che spesso valgono a paralizzare gli effetti della latitudine e dell’altezza. Nel nostro caso, la temperatura mite di Bolzano si deve all’aperta esposizione a mezzogiorno e alla difesa che gode dai venti del N.

Una terza zona abbraccia la parte inferiore delle valli laterali dell’Adige e i bacini della Brenta, del Sarca e del Chiese, fra i 300 e gli 850 m. Nella mia tabella vi sono le medie per due di queste stazioni: Faedo (bacino dell’Adige; 662 m.) e S. Lorenzo (bacino del Sarca; 720 m.). Qui però ci vengono in aiuto i dati dell’Hann e del Busin, che ci dànno le medie di un numero d’anni ragguardevole per le stazioni di Lardaro (bacino del Chiese; 740 m.), di Malè (770 m.) di Corredo (830 m.) nel bacino del Noce e di Caldonazzo (374 m.; per questi, 2 soli anni d’osservazione) in quello della Brenta. La media annua oscilla da un minimo di 8°.5 a un massimo di 9°3. La massima estrema assoluta di questa plaga climatica fu constatata a Caldonazzo (33°0), la minima a Lardaro (-14°8). Durante il Gennaio la temperatura si mantiene in me-