Pagina:Il Volapük - Critici e Abolitori.djvu/27

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

― 27 ―
— 27 —

più facilmente chè l’Inventore non pretende affatto all’infallibilità

Se veramente sono tutte imperfezioni quelle cui accenna l’egregio filologo, e se delle imperfezioni giudicate anche tali dall’autore siano o no state corrette, è ciò che si vedrà. Qui è importante far notare che non è vero, a detta del Sig. Kerckhoffs, che il Sig, Schleyer pretenda all’infallibilità; ma con ciò io non credo però, che non voglia godere di tutti i diritti di invenzione! E questi, io credo, che tutti, neppure uno escluso, glieli vorranno riconoscere. — E in questo appunto sta il nodo principale della questione, per cui molti altri si sono chiamati offesi, essendo state dall’Autore respinte di tali modificazioni che trasformavano le basi del suo Vp.

A tutti è nota la risposta che Apelle diede al ciabattino, quando costui, dopo avergli criticata la pianella nel quadro che avea esposto, volle anche pretendere di correggervi la gamba! Ora che avrebbe fatto Apelle, se il ciabba avesse preso un pennello e gli avesse ritoccato il