Pagina:Il castello delle Mollere.djvu/39

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

39

chè per lettere aveva saputo essersi condotto, sulla nave del capitan Martino, a militare del regno.

Passò nove anni intieri in questa giovanil vedovanza. Ma una sera mentre tornava colle ancelle dal passeggio, vede sopra un bel muletto venirle incontro una persona vestita di tonaca bianca, e le facean corteggio, in forma di scudieri, due fraticelli dell’abbadia di Ferrania. Il capo di quella comitiva salutolla in aria di antica conoscenza e con un’allegrezza da scioperato, e sceso a stento dalla sua cavalcatura si accingeva ad abbracciarla: ma ella, cui l’atto riusciva insolito, si cuoprì di rossore, e facendosi scudo colla mano sinistra parea cansar volesse quell’atto