Pagina:Il libro dei versi (1902).djvu/160

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

ORSO MORTO 149
Re Orso:
Frate, ho finito la confessione - sto per morire - m’insegna a dire... un’orazione. Frate! ti dono tutta la mia reggia di Creta e la corona mia... tu vigila, tu spìa... il mio funerale... voglio essere imbalsamato da un mago d’Oriente, voglio molti aromi nella bara... e un sudario di porpora, e una cassa d’oro, e un sarcofago di cristallo... e il lamento delle prefiche e voglio - poni mente - voglio... (poni mente)... una moneta d’oro nella mano destra per pagare San Pietro. Frate, è finita la confessione... sto per morire... dammi la santa benedizione.



(Il frate veloce
Fa un segno di croce;
O santo Gesù!
Un segno a rovescio
Tagliato a sghimbescio
Col capo all’ingiù!)

Già d’Orso è l’occhio
Nebbioso e torto.
Che fu? Fra un rantolo
Strozzato e corto